Plastic Food Golden Age di Pierluigi Monsignori a Festambiente Umbria

GreenpeaceImportante performance artistica di Pierluigi Monsignori, Potsy, a Perugia, in Piazza IV Novembre, nel pomeriggio di domenica 14 settembre. Potsy, ospite a Festambiente, insieme a Greenpeace ed altre associazioni di rilievo internazionale, manifestazione organizzata da Legambiente, ha voluto condividere il suo pensiero anche con chi non ha visitato la mostra e gli stand in via delle viole.
A molti, non c’è stato nemmeno bisogno spiegare ciò che l’artista stava facendo, tanto era evidente: una sua ecoballa fatta di materiali plastici e spazzatura, dalla quale usciva un tappeto rosso come il sangue. Sotto, stese, come morte due persone, con in mano una pagnotta di pane e cosparse di bossoli di proiettili: PLASTIC FOOD GOLDEN AGE.
La performance artistica, un flash mob, di alcuni minuti, ha raggruppato molti passanti, turisti e cittadini, che sono riusciti a capire l’importanza di quello che stava accadendo.
Un’anticipazione di quello che poi, Pierluigi, ha espresso nel convegno organizzato da Legambiente sulla rigenerazione.
Rendersi conto di quanta strada fa il petrolio, quanto costa in termini di vite, non solo di denaro, per noi abitanti dell’occidente, risulta un pensiero faticoso.
Ci sono persone che ce lo fanno ricordare, sbattendoci davanti agli occhi quello che stà accadendo dietro le porte delle nostre case. Un futuro presente che cerchiamo ancora di ignorare.
Ma, le cose non possono continuare così ancora per molto. Il consumismo, la cultura dell’usa e getta, ha portato malesseri nel mondo che non possiamo più ignorare: un usa e getta anche nei sentimenti; la produzione di rifiuti e il loro smaltimento indiscriminato. Tenendo conto, inoltre, che per produrre il nostro “necessario” che finisce in spazzatura, creiamo vittime per un pezzo di pane.
E questo in pochi minuti è stato messo in faccia a tutti, a Perugia, in Piazza IV novembre, dall’artista Pierluigi Monsignori, Potsy, in un’assolata domenica pomeriggio di passeggio e di turismo.

Isabella Ceccarelli
Isabella Ceccarelli

Isabella Ceccarelli, classe '75, giorno e mese fatale: 11 Novembre, data dedicata a San Martino, quando ogni mosto è vino. La contraddistingue una spiccata passione per il vino. Ma anche per l'arte e la poesia. Partecipa a mostre ed è instancabile nello scrivere poesie e pensieri (che vorrebbe mettere in un blog). Tutto legato dall'ormai sconosciuto filo conduttore dei sentimenti e dalla vena di una sottile cultura. Cell. +39 346 0632204