Echi dall’oltretomba-locandinaGIOIA TAURO (RC) – VIDE, ideato dal Polo museale della Calabria e realizzato col sostegno della Regione Calabria, ha lo scopo di promuovere e mettere in rete i 16 istituti culturali statali afferenti al Polo museale della Calabria.
L’esposizione − che coinvolge 16 reperti evocativi del tema del viaggio dislocati su tutto il territorio regionale all’interno dei contesti museali di appartenenza − traccia una road map che da cammino fisico diventa esperienza emotiva coinvolgendo l’intera rete di connessioni esistenti tra le sedi del Polo e i paesaggi culturali in cui esse insistono.
Grazie al file rouge che concettualmente unisce le sedici tappe il visitatore diviene viaggiatore e attraverso il caleidoscopio di proposte potrà trarre nuove prospettive e suggestioni dal paesaggio culturale calabrese e ritrovarsi immerso nel sistema museo-territorio frutto delle stratificazioni culturali e antropiche che nel tempo sono sedimentate.
Il Museo archeologico Mètauros ha scelto di valorizzare all’interno della collezione esposta un’anfora di produzione Calcidese (550-500 a.c.), pezzo iconico, facente parte di un nucleo proveniente da un corredo funerario della necropoli in uso tra VII e V secolo a.C.
Il reperto scelto nei suoi caratteri e decori ed il suo contesto rappresentano un’occasione per intraprendere un viaggio nel viaggio alla scoperta dell’affascinante mondo di gestualità rituali e tradizioni strettamente legate alle necropoli e al rito della deposizione.
Il Museo archeologico Mètauros è afferente al Polo museale della Calabria, guidato dalla dottoressa Antonella Cucciniello.
Questo, di seguito riportato, il programma curato dalla dottoressa Simona Bruni, referente del Museo gioiese.
Ore 18.30 – Presentazione del Progetto VIDE –Viaggio dell’Emozione:
Echi dall’oltretomba
Intervengono:
Dott.ssa Antonella Cucciniello, Direttore Polo museale della Calabria
Dott. Aldo Alessio, Sindaco di Gioia Tauro
Dott.ssa Simona Bruni, Funzionario responsabile Museo Mètauros
a seguire
Conversazione itinerante sulle necropoli di Mètauros
a cura della Dott.ssa Rossella Agostino, Funzionario archeologo
Visita istallazioni abiti scultura artista Immacolata Melito.

FONTE: Ufficio Stampa Silvio Rubens Vivone.