Il Terra di Monteverro 2016, un brindisi speciale per la festa del papà

Un rosso dalla personalità intensa e seducente, perfetto come regalo o da condividere

Terra di Monteverro 2016-in
Foto di Leif Carlsson

Un rosso caldo e avvolgente, a volte sorprendente, proprio come l’abbraccio di un papà, un gesto così semplice e così ricco di significato. Il Terra di Monteverro – dell’omonima cantina gioiello che dolcemente si distende tra il borgo medioevale di Capalbio e la Costa d’Argento, in quella Toscana del sud che è espressione della Maremma autentica – rivela una personalità intensa e seducente. Una bocca vibrante si esibisce su trame mediterranee ricche di freschezza. I suoi profumi ampi ed energici avvolgono incondizionatamente i sensi di chi lo beve. Stupisce, ammalia e conquista, tanto da essere pluripremiato dalle guide nazionali e internazionali. Il Terra di Monteverro è un taglio bordolese classico – Cabernet Sauvignon, Merlot, Cabernet Franc e Petit Verdot – che la Maremma trasforma in un vino autentico ed estremamente godibile con quei suoi aromi della macchia mediterranea e le note fruttate di ciliegia e frutti rossi.
Il Terra di Monteverro è regalo speciale per un giorno speciale, sorprendente rispetto ai classici (sempre ben accetti!) libro-cravatta-profumo, avvolgente nel gusto e caloroso nella sua possibilità di essere condiviso in un brindisi ben augurante insieme alle persone che si amano.
È disponibile nelle migliori enoteche e nel wineshop della Tenuta (apertura in costante aggiornamento in base ai nuovi DPCM, chiamare per orari 0564 890937), dove volendo si può scegliere tra un’ampia gamma di magnum di vecchie annate per un regalo ancora più prestigioso. La versione magnum è fornita in una elegante cassetta di legno, da portare in tavola il 19 marzo e da abbinare a un bell’arrosto o una bistecca maremmana alla brace o anche a un tortino di verdure – l’importante è il brindisi, per il papà ovviamente!

Ig Monteverro Official (@monteverrowines_official)
Facebook  Monteverro | Facebook

Per maggiori  su Monteverro: www.monteverro.com

FONTE: Zedcomm – Michela Mezzolo.