Hofmann Orchestra, il disco d’esordio “Overture”

Da oggi su tutte le piattaforme digitali e in streaming, il disco d’esordio della rock band romana

Ouverture.inMILANO – Da oggi è disponibile in digital download ed in streaming “Ouverture” (You Can’t Records), il nuovo disco della Hofmann Orchestra, formazione alternative rock romana al proprio esordio discografico. Il lavoro, mixato da Davide Lasala con Andrea Fognini (Giorgieness, Nic Cester, Gorillaz, Dell’era) e masterizzato da Giovanni Versari (Verdena, Afterhours, Muse, Bobo Rondelli), arriva dopo il singolo d’esordio “Tutti i nudi vengon al petting” e racconta la rinascita e la voglia di riprendere in mano la propria vita rivoluzionandone gli aspetti negativi. Tutto questo attraverso dieci tracce rock granitiche, acide e visionarie i cui ingredienti principali sono il rumore, l’uso di strumenti e suoni non convenzionali, tempi dispari e una tagliente satira nelle liriche.

Hofmann Orchestra: Con questo disco vogliamo sottrarci ai clichè della scena indipendente, divenuta negli anni sempre più conservatrice. Dieci canzoni rock, che miscelano punk, stoner, noise, ma anche ritmi tribali, e dalle strutture non sempre tradizionali, nelle quali ci sgoliamo fino a far uscire pure l’anima. “Ouverture” rappresenta anche un nuovo inizio per noi tre e per la nostra stessa musica, che per ragioni personali avevamo messo da parte.

“Ouverture” è stato scritto e composto da Giulio Cecchini, che ne ha curato anche la produzione artistica. Registrato al Piccolo Studio Onirico. Mix e produzione addizionale: Davide Lasala presso Edac Studio. Mastering: Giovanni Versari presso La Maestà. Arrangiamento: Cecchini, La Rosa, Taborri. Hanno suonato: Giulio Cecchini (Voce, Cori, Chitarre dritte e reverse, Hammond, Sitar Elettrificato, Rumore&Effetti); Alessandro La Rosa (Batteria); Stefano Taborri (Basso).

Hofmann Orchestra è una band nata dall’incontro tra Alessandro La Rosa (batteria) e Giulio Cecchini (voce, polistrumentista). Accomunati dalla voglia di creare musica e curiosi di esplorare ed evolvere l’uno le influenze dell’altro, i due cominciano a lavorare e sperimentare assieme. Il risultato inizia ad essere stimolante ma è solo diversi mesi dopo, con l’ingresso di Stefano Taborri al basso, che il progetto prende la sua forma definitiva: adottando il nome Hofmann Orchestra (in omaggio allo scienziato Albert Hofmann), il trio si chiude nuovamente nel proprio studio, o come amano definirlo, il loro “laboratorio sonoro”. Danno così alla luce il loro album d’esordio “Ouverture”, mixato all’Edac Studio da Davide Lasala con Andrea Fognini (Giorgieness, Nic Cester, Gorillaz, Dell’era), masterizzato da Giovanni Versari (Verdena, Afterhours, Muse, Bobo Rondelli) e disponibile dal 21 aprile 2021, anticipato il 25 marzo dal singolo “Tutti i nudi vengon al petting”.

Ascolta il disco: https://open.spotify.com/album/42enLNiN5aP85K2HTspneB?si=9-QV9gLdQpef0KGnnlRlDg&nd=1

Ecco la tracklist di “Ouverture”
Ouverture
Mustang (cambiare car è una scelta di vita)
La mia vita o poco più
Via d’uscita
Desertica
Fuoco fatuo
Il mondo dei Bodhisattva
Tutti i nudi vengon al petting
Mortobotanico
Rivoluzioni in svendita

Fb: https://www.facebook.com/hofmannorchestra
Ig: https://www.instagram.com/hofmannorchestra/
Yt: http://bit.ly/HofmannOrchestraYouTube

FONTE: Ufficio Stampa Hofmann Orchestra (Marta Scaccabarozzi).