“Segni opposti”, il nuovo EP di Moriel

E' uscito il 23 aprile 2021 - Autoproduzione

Segni-opposti-inSegni Opposti è il nuovo EP dell’artista modenese Moriel, un lavoro eterogeneo in cui l’autore sorprende variando fra diversi registri, generi, mood. Estremi polarizzati, lontani e a prima vista incompatibili ma che in realtà convivono armoniosamente in questi brani perché presenti nella ricerca artistica come nelle personalità stessa dell’autore.

Questo dualismo è stato rappresentato anche graficamente attraverso le due costellazioni presenti all’interno dell’artwork: toro e scorpione, segno e ascendente, letteralmente i due Segni Opposti che danno il nome all’EP e al brano omonimo. Le due costellazioni e il loro principio di attrazione incarnano così alla perfezione il concetto di equilibrio e complementarietà tra due mondi diversi. Quest’ultima sottolineata ulteriormente anche dalle scelte dei colori rosa e blu.

Un concetto intimo quanto basilare con cui si tenta di riappropriarsi delle infinite sfumature del proprio carattere, simboleggiate e semplificate da 5 brani che esplorano varie declinazioni di un personale Pop contemporaneo con cui l’autore lascia dietro di sé ogni timore per accettare la propria contraddizione che altro non è se non la propria umanità.

Tracklist
1 – Segni Opposti
2 – Parlo Troppo
3 – 12 Km
4 – Non Ci Ripensi Mai
5 – Atipico

Segni Opposti
La title track dell’EP prende spunto, con leggerezza ed un poco di incoscienza, da alcuni concetti astrologici per decifrare sentimenti contrastanti, liquidi ma ingombranti. Nell’oroscopo i segni opposti non si respingono, è un falso mito, e anche in questa canzone, nonostante sia palese la fine di un rapporto l’attrazione rimane. L’ispirazione arriva da alcuni libri di Paolo Fox appartenenti alla madre, grande fan dell’astrologo televisivo, quasi per gioco, perché quando non capiamo cosa ci passa per la testa è facile affidarsi alle stelle.

Parlo Troppo
Un brano ballabile e vivace che dietro ad un racconto autobiografico nasconde un inaspettato tentativo di liberarsi da un immaginario machista. La loquacità diventa così uno scudo contro l’imbarazzo scaturito da archetipi vetusti e da un ideale di maschio (alpha) assolutamente tossico. Nel video ufficiale questo concetto viene rielaborato in una sfida contro sé stessi e la propria natura, un’assurda competizione da videogame arcade in cui mostrare i muscoli per far capire a tutti chi è il capobranco.

12 Km
Sostanzialmente la narrazione di una corsa, disciplina praticata da Moriel che in questo brano si ispira ai suoi benefici fisici “meditativi”. Un lungo tracciato praticato in solitaria, senza distrazione e a ritmo costante, perfetto per entrare in una sorta di trance, un momento di profonda ispirazione forse poco evidenziata a livello testuale ma rappresentata sotto il piano musicale da una strofa che si ripete immobile: un inedito mantra urbano.

Non Ci Ripensi Mai
Esplorando la fine di una relazione, fra un oblio autoimposto e una nostalgia ingombrante si tenta di esorcizzare un fantasma che ancora aleggia nonostante il tempo per smettere di rimuginare su di una relazione ormai conclusa, una volta per tutte.

Atipico
Ispirata da un’esperienza lavorativa a fianco di alcuni ragazzi affetti da autismo, il testo cita le loro passioni personali, particolarissime e fuori da ogni moda. Una canzone affettuosa che non vuole parlare di disabilità ma soltanto sottolineare come il concetto spesso bistrattato di atipicità possa diventare prezioso e d’ispirazione. Per il titolo si è preso spunto dalla serie Netflix “Atypical”.

Segni-opposti-1Bio
Moriel è il progetto musicale, ma anche il percorso di crescita artistica e personale, del modenese Riccardo Moriello. Una ricerca stilistica costante e ben definita che mescola il lato più solare del pop radiofonico con il lato più cupo dell’elettronica europea, ad unirli il cantautorato italiano più colto da cui mutua sensibilità e ironia.
Da sempre appassionato di cinema e cuori infranti, ha già pubblicato i primi brani Emma Stone e Salvami, quest’ultimo selezionato dalla cantante Alice per il lato B del 45 giri del suo singolo Dimmi di sì (progetto “Sonda Club” promosso dal Centro Musica di Modena).

Influenze: Perfume Genius, Cosmo, Jack Antonoff, Subsonica

Credits: Composto da Riccardo Moriello.
Produzione e arrangiamento di Luca Felici (dunerosse), Alessandro Baldessari e Riccardo Moriello.

Artwork di Gaianè Kevorkian e Andrea Centonza.

Ascolta: https://smarturl.it/segniopposti.ep

FONTE: Ufficio stampa per musica e cultura (DELTA).