“Arteporto – Fuori Confine” a cura di Sandro Polo e Silvia Calvarese

L'inaugurazione sarà domani, sabato 18 settembre alle ore 11.00

arteporto fuori confine-in
Arteporto fuori confine

ROMA – Dopo il successo delle precedenti edizioni (2016 e 2018), la terza mostra d’arte contemporanea Arteporto – Fuori Confine si apre quest’anno alla collaborazione con importanti enti, accademie e istituzioni territoriali: promossa da GAF – Glocal Art Factory APS, si avvale del contributo del Consiglio Regionale del Lazio, del contributo e del patrocinio del Comune di Fiumicino, della collaborazione con il Parco archeologico di Ostia antica, da sempre partner del progetto, nonché dell’Accademia di Romania, dell’Accademia di Ungheria, della Temple University Rome Campus, della RUFA – Rome University of Fine Arts, dell’Accademia di Belle Arti di Roma, dell’Accademia di Belle Arti di Frosinone e di Terra Arte – Parco di scultura contemporanea.

Il tema di Arteporto 2021, “Fuori Confine”, parte, infatti, dalle necessità di uscire dai propri spazi sicuri, di andare oltre, ritrovando nel lavoro a più mani un nuovo slancio vitale, dopo questo periodo di isolamento, che ci aiuti a ripensare al mondo come comunità. Inoltre, Fuori Confine rilancia la millenaria vocazione di “porta di Roma sul mondo” che caratterizza l’area ospitante la mostra: prima sede degli antichi porti imperiali, oggi, in buona parte, dello scalo aereo internazionale di Fiumicino. Una zona di (s)confine, di partenza e accoglienza, che da secoli mette in relazione genti, luoghi, identità e culture differenti.

Negli spazi aperti della meravigliosa area archeologica dei Porti Imperiali di Claudio e Traiano, la mostra costituirà ancora una volta un importante momento di confronto in ambito artistico e, allo stesso tempo, stabilirà con il territorio del litorale un legame interattivo, di appartenenza e partecipazione. La mostra si presenta come un fuori confine espositivo: le opere escono dagli spazi chiusi degli studi e delle gallerie per essere collocate all’aperto a diretto contatto con la rigogliosa vegetazione e all’azione degli agenti atmosferici, immerse in una storia millenaria potentemente evocata dai monumentali resti archeologici presenti nel sito. È anche un fuori confine generazionale, con artisti di ogni età, dagli studenti delle Accademie di Belle Arti, selezionati dai loro docenti, ad artisti di fama e esperienza decennale. Un sentire che inevitabilmente sfocia in un altro fuori confine diffuso nell’esposizione, quello della paralizzante pandemia che da quasi due anni condiziona la vita umana dell’intero pianeta e da cui, attraverso mille difficoltà, si cerca di andare oltre.

Gli artisti invitati, partecipando fisicamente e concettualmente a questa moltitudine mobile, offriranno, attraverso le loro opere site specific, formazioni e sensibilità creative forgiate dalla propria storia personale e professionale, da quella del paese di appartenenza, dall’insieme dialettico di conoscenze, valori, simboli e norme della società in cui hanno vissuto; un universo culturale e generazionale che a contatto con esperienze diverse innesca cortocircuiti e inedite riflessioni proponendo una lettura dello spazio trasversale, capace di valorizzare le differenze esaltandone tangenze o conflitti.

Artisti e artiste partecipanti
Pasquale Altieri, Santo Alessandro Badolato, Luigi Battisti, Flavia Bellavia, Paolo Bielli, Enrico Borghini, Carlo Brignola, Gianmaria Brizzi, Flavia Bucci, Caltanino, Tommaso Cascella, Angelo Colagrossi, Publia Cruciani, Mauro Cuppone, Cecilia De Paolis, Yvonne Ekman, Stefania Fabrizi, David Fagioli, Marco Fioramanti, Gianluca Fiorentini, Nazzareno Flenghi, Elizabeth Frolet, Pino Genovese, Marina Haas, Alfonso Maria Isonzo, Susanne Kessler, Antonio La Rosa, Giovanni Longo, Franco Losvizzero, Mauro Magni, Elisa Majnoni, Susanna Micozzi, Valentina Palazzari, Alberto Parres, Francesco Petrone, Ascanio Renda, Josse Renda, Giulia Ripandelli, Massimo Ruiu, Sandro Scarmiglia, Thomas Spielmann, Alberto Timossi, Mara van Wees, Fiorenzo Zaffina, Giulia Zincone.

Accademie e Istituzioni partecipanti
Accademia di Romania: Alexandra Oancea; Accademia di Ungheria: Erzsébet Palásti; Temple University Rome Campus: Marina Buening, Anita Guerra, Katherine Krizek, Liana Miuccio; RUFA – Rome University of Fine Arts: Emma Brunelli, Camilla Gurgone, Anica Huck, Cem Kanyar, Amedeo Longo, Alessandro Martina, Davide Miceli, Gianluca Ricco, Annalisa Welzhofer; Accademia di Belle Arti di Frosinone: Mattia Abballe; Giulia Apice; Ludovica Colanera; Simone Compagno; Chiara Crescenzi, Chiara Di Pofi, Alessandra Galanti, Veronica Neri, Cristiana Pagliarella, Manuel Picozzi, Maria Elena Piroli; Accademia di Belle Arti di Roma: Leonardo Ciotti, Giulio Martellotti, Caterina Sammartino, Gianmarco Savioli.

Info
Arteporto – Fuori Confine
a cura di Sandro Polo e Silvia Calvarese
promossa da GAF – Glocal Art Factory APS
con il contributo del Consiglio Regionale del Lazio
con il contributo e il patrocinio del Comune di Fiumicino
in collaborazione con Parco archeologico di Ostia antica, Accademia di Romania, Accademia di Ungheria, Temple University Rome Campus, RUFA – Rome University of Fine Arts, Accademia di Belle Arti di Roma, Accademia di Belle Arti di Frosinone, Terra Arte – Parco di scultura contemporanea, Casale del Giglio.

Inaugurazione sabato 18 settembre 2021 ore 11.00
Porti Imperiali di Claudio e Traiano – Parco archeologico di Ostia antica
Via Portuense 2329, Fiumicino (RM)

Convenzione con i parcheggi di fronte all’ingresso del sito:
Kingparking (tariffa 5€ x 4 ore), Park and Fly (tariffa 4 per 4 ore)

Fino al 17 ottobre 2021
Giorni e orari:
18, 19, 23, 24, 25, 26, 30 settembre dalle 10.00 alle 18.00
2, 3, 7, 8, 9, 10, 14, 16, 17 ottobre dalle 10.00 alle 18.00
Ingresso libero – è richiesto il Green Pass

GAF – Glocal Art Factory APS
gaf.factory@gmail.com
www.gaf-arte.com

FONTE: Roberta Melasecca.