Conclusa la XXVII edizione della Mostra Artigianato e Palazzo

La mostra in termini di flusso di visitatori ha superato ogni aspettativa

Alla bottega restauro del legno Leonardo Pippi il prestigioso “Premio Perseo”.

Antica officina del vetro e vetreria Bruschi vincono assieme il “Premio Giorgiana Corsini” per lo stand più bello.

Presentati il glossario la guida “Gentilezza e sostenibilità”.

Mostra-Artigianato-e-Palazzo_photo-Federico-Minelli-in
Foto di Federico Minelli

FIRENZE – Chiude con ampio consenso da parte degli espositori, e superata ogni aspettativa di pubblico, la XXVII edizione della mostra Artigianato e Palazzo che ha visto riuniti al lavoro circa 80 maestri artigiani al Giardino Corsini di Firenze in un percorso espositivo inedito, molto apprezzato da tutti, che comprendeva per la prima volta anche gli spazi privati al piano terra del Palazzo, oltre alle Limonaie e al Giardino.
“Siamo molto soddisfatti ed emozionati di essere riusciti a trasferire un segnale di ottimismo ai nostri espositori con un nuovo appuntamento in presenza che fosse simbolo di una ripartenza concreta per guardare al futuro con fiducia. Ci siamo riusciti e l’atmosfera che abbiamo respirato in questi giorni tra gli stand ne è stata una testimonianza: la Mostra è stata per gli artigiani non solo un momento di vendita, ma anche l’occasione per aprire nuove opportunità di business di alto profilo e fare sistema tra loro. Consensi anche da parte dei visitatori che hanno potuto fare una “esperienza immersiva” nelle attività manuali delle grandi maestranze italiane con una maggiore consapevolezza del valore di questo patrimonio”, affermano Sabina Corsini e Neri Torrigiani promotori e organizzatori di Artigianato e Palazzo.
Al termine della Mostra è stato assegnato il “Premio Perseo” all’espositore più votato dal pubblico che è andato al restauratore fiorentino di mobili Leonardo Pippi. Figlio d’arte, ha fatto del restauro la sua passione, specializzandosi nel restauro di mobili antichi che vanno dal 1500 ai primi decenni del 1800. Nella sua bottega si possono trovare preziosi tesori di ogni epoca e, guardandolo lavorare, si ha la possibilità di osservare lavori di restauro realizzati ad arte grazie all’uso di antiche tecniche di lavorazione .
Il “Premio Giorgiana Corsini” – allo stand ritenuto più bello votato dal Comitato Promotore – è stato assegnato all’Antica Officina del Vetro e alla Vetreria Bruschi di Firenze dei fratelli Arcofora che si occupano di restauri e realizzazioni di importanti vetrate rilegate in piombo – i cosiddetti “tessuti a piombo” – definizione appresa nella vecchia bottega nata nel 1875.
L’edizione di quest’anno di Artigianato e Palazzo ha affrontato anche il tema dell’ambiente con il  nuovo progetto “Gentilezza e sostenibilità” che Sabina Corsini e Neri Torrigiani hanno chiesto di sviluppare a Irene Ivoi – progettista di strategie circolari ed ecodesigner – immaginando un “riflessione guidata” che orienti gli artigiani ad agire secondo i principi di un’economia sostenibile, in partnership con il magazine Lampoon.
“Abbiamo voluto creare uno strumento gratuito, facilmente aggiornabile e consultabile che fosse utile agli artigiani – non solo i nostri espositori – per avvicinarli ai temi dell’ambiente offrendo loro dei concreti strumenti di approfondimento che ci auguriamo li portino in un futuro a produrre ed esporre i loro manufatti in base a queste riflessioni”, spiegano Sabina Corsini e Neri Torrigiani.

“Non sono prescrizioni, ma spinte gentili (quelle che insegna la teoria del “nudge”) a fare, laddove possibile, scelte più attente per il pianeta, disegnando un’architettura di opzioni a tutela dell’ambiente”, concludono.

La mostra Artigianato e Palazzo è stata patrocinata anche dal World Crafts Council Europe da ADI Toscana dal QEST Queen Elizabeth Scolarship Trust e realizzata con il fondamentale contributo di Fondazione CR Firenze, Enrico Magnani Pescia con il sostegno di Camera di Commercio di Firenze, Fondazione Ferragamo, The Nando and Elsa Peretti Foundation, Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte, Michelangelo Foundation in collaborazione con Scuola di Arte Culinaria Cordon Bleu, IUL, Fornasetti, Bonacina 1889, Guido Toschi Marazzani Visconti, Starhotels,  25 Hours Hotels.
Si ringrazia Intesa Sanpaolo, Artex Centro per l’Artigianato Artistico e Tradizionale della Toscana, Piante Mati, Riccardo Barthel e Cibrèo e Jardin la Ménagère.

FONTE: Studio Maddalena Torricelli.