“Hamilton vs Verstappen” cantato da MaLaVoglia

Da anni non si verificava una battaglia così accesa al vertice della Formula 1: Lewis Hamilton e Max Verstappen stanno dando vita ad un duello avvincente, alternandosi in testa al mondiale, con un punteggio sempre in bilico

Hamilton-vs-Verstappen-copIl cantautore MaLaVoglia ha voluto rappresentare in musica questa sfida con “Hamilton vs Verstappen”, metafora del non arrendersi, del volersi motivare per conquistare i propri obiettivi nonostante la concorrenza sia spesso spietata. La gara si svolge su una pista di atletica: Hamilton (MaLaVoglia) e Verstappen (Francesco Tripi) lottano spalla a spalla, fino al traguardo, dove il vincitore è incerto e potrà essere decretato soltanto al fotofinish. Regia e montaggio video Cesare Bobbiesi. Da un’idea di Igor Nogarotto.

Testo
Tu che negli occhi hai il cielo
Io che non credevo
che mi sarei innamorato ancora
Parole e sesso sotto le lenzuola.
Abbiam raccolto i pezzi
Di due vite da buttare
E ci credevano due pazzi
Quando c’han visto ballare.
e ora conosco a memoria le tue curve più belle
ed ogni volta mi faccio un viaggio sulla tua pelle.
E mi sento un po’ Hamilton
Sul rettilineo finale, come se avessi vinto un altro mondiale.
Faccio un po’ come Hamilton
E non mi voglio fermare con te vado veloce mi sembra di volare
Tu che quando mi guardi
quando inizio a suonare
ti mordi le labbra
e poi mi vieni a spogliare.
E non esiste distanza
Che ci tenga lontani
L’amore è dentro una stanza
Che teniamo nascosta ed abbiamo le chiavi.
Le tue mani sul petto, tu che guardi le stelle.
Sai, mi sballa l’effetto di annusarti la pelle.
E io mi sento un po’ Hamilton
Sul rettilineo finale, come se avessi vinto un altro mondiale.
Faccio un po’ come Hamilton
Che non si vuole fermare con te vado veloce mi sembra di volare.
Tu con le tue trecce da rifare,
Le tue gambe come strade
Che mi porteranno al mare.
E mi sento un po’ Hamilton
Sul rettilineo finale, non posso più fare a meno di te, tu sei la mia Mc Laren.
E io mi sento un po’ Hamilton
E non mi voglio fermare con te vado veloce c’è un mondo da doppiare

FONTE: SAMIGO Press.