Skip to content

Climate Pladge, oltre 300 aziende per zero emissioni nette entro 2040

(Adnkronos) - I firmatari del Climate Pledge si impegnano a: misurare e rendicontare periodicamente le proprie emissioni di gas serra; implementare strategie di decarbonizzazione in linea con l’accordo di Parigi attraverso cambiamenti e innovazioni reali della propria attività, che comprendano un miglioramento dell’efficienza, l’impiego di energia rinnovabile, la riduzione dei materiali e altre strategie atte all’eliminazione delle emissioni di CO2; neutralizzare qualsiasi emissione residua adottando misure compensative aggiuntive, quantificabili, reali, permanenti e con un impatto sociale positivo, così da raggiungere zero emissioni di CO2 annue entro il 2040.

Amazon e Global Optimism hanno annunciato oggi che sono ormai più di 300 le aziende che hanno firmato il Climate Pledge, una crescita del numero dei firmatari del 600% rispetto all’anno passato. Tra i quasi 100 nuovi firmatari c’è Maersk, la più grande compagnia di navigazione mercantile al mondo; Sap, l’azienda leader al mondo nel software gestionale in cloud; l’azienda nordamericana di legname Weyerhaeuser; Sunrun, la più grande azienda di pannelli solari residenziali in Usa e il marchio leader nell’auto connessa e nei servizi audio Harman. I firmatari del Pledge generano in totale un fatturato annuo di oltre 3,5 trilioni di dollari e hanno più di 8 milioni di dipendenti in 51 settori diversi in 29 Paesi.

In particolare i firmatari del Climate Pledge si impegnano a: misurare e rendicontare periodicamente le proprie emissioni di gas serra; implementare strategie di decarbonizzazione in linea con l’accordo di Parigi attraverso cambiamenti e innovazioni reali della propria attività, che comprendano un miglioramento dell’efficienza, l’impiego di energia rinnovabile, la riduzione dei materiali e altre strategie atte all’eliminazione delle emissioni di CO2; neutralizzare qualsiasi emissione residua adottando misure compensative aggiuntive, quantificabili, reali, permanenti e con un impatto sociale positivo, così da raggiungere zero emissioni di CO2 annue entro il 2040.

“Gli effetti del cambiamento climatico stanno diventando sempre presenti nella nostra vita quotidiana e in tutto ciò che ci circonda, per questo noi crediamo fermamente che il settore privato debba continuare a innovare e a collaborare in modo trasversale tra diverse aree geografiche e settori industriali per decarbonizzare l’economia globale su larga scala”, ha detto Andy Jassy, ceo di Amazon. “È un segno incoraggiante che più di 300 aziende abbiano firmato il Climate Pledge, un impegno ad affrontare il cambiamento climatico a testa alta, adottando cambiamenti aziendali concreti che avranno un impatto duraturo sul nostro pianeta. Possiamo raggiungere questo obiettivo solo insieme”.

Oggi, il Climate Pledge accoglie anche diverse aziende che hanno precedentemente ricevuto investimenti attraverso il Climate Pledge Fund, il fondo di venture capital da 2 miliardi di dollari di Amazon che investe in aziende che possono accelerare il percorso verso gli obiettivi del Climate Pledge. Queste aziende includono Beta Technologies, una società aerospaziale che produce velivoli elettrici, e Infinium, un’azienda di tecnologie per combustibili rinnovabili, che mirano entrambe a sostenere gli sforzi di decarbonizzazione nel settore del trasporto a livello globale, responsabile di circa 7,3 miliardi di tonnellate di emissioni di CO2 nel 2020.

Infatti, quasi il 13% dei firmatari rappresenta i settori dei trasporti, dell’aviazione e della logistica. In aggiunta, Pachama, nuovo firmatario e partecipata del Climate Pledge Fund, sta portando qualità e trasparenza nei mercati delle compensazioni di carbonio basate sulla natura, ampliandone anche la portata. Pachama utilizza il telerilevamento e il machine learning per misurare la CO2 immagazzinata nelle foreste e monitorarla nel tempo, permettendo alle organizzazioni e agli individui di compensare le loro emissioni, sostenendo progetti di riforestazione e conservazione delle foreste.

AdnKronos: Vai alla fonte

Redazione Press Italia
Redazione Press Italia

Agenzia di informazione fondata e diretta da Mauro Piergentili. Tra i suoi servizi news e comunicati stampa: Arte, Cultura, Enogastronomia, Economia, Esteri, Scienza, Cinema, Teatro, Turismo,...

© 2006 - 2022 Pressitalia.net - Edizioni Le Colibrì: P.Iva 03278920545

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: