Skip to content

Negoziati Ucraina-Russia, Mosca: “Nessuna svolta”

(Adnkronos) - Peskov: "Il Cremlino ''non ha visto nulla di promettente". Ieri a Istanbul il quarto round di colloqui

Negoziati Ucraina-Russia, ”non c’è stato alcun punto di svolta” dopo il quarto round di colloqui che si è svolto ieri a Istanbul in Turchia. Ad affermarlo il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov sottolineando che il Cremlino ”non ha visto nulla di promettente” e che ”c’è ancora un grande lavoro da fare”. Peskov ha comunque giudicato ”positivo” il fatto che l’Ucraina abbia messo per iscritto le sue richieste per porre fine al conflitto.

Leggi anche

Il portavoce del Cremlino ha anche annunciato che nelle prossime ore il capo dei negoziatori russi fornirà un ulteriore aggiornamento sull’esito dei colloqui.

Al termine dei colloqui di ieri, la delegazione ucraina si è detta disposta alla neutralità, rinunciando all’ingresso in alleanze militari in cambio di appropriate garanzie di sicurezza, mentre la Russia avrebbe accettato un’adesione all’Unione europea, seppur non immediata. Ma gli Usa e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky si sono detti scettici sui negoziati. ”Gli ucraini non sono ingenui” e continueranno le operazioni militari nonostante le promesse della Russia di ridurre notevolmente le sue attività sul campo, ha detto Zelensky, dicendo che ”naturalmente vediamo i rischi. E naturalmente non vediamo alcun motivo per fidarci delle parole di alcuni rappresentanti di uno Stato che continua a lottare per la nostra distruzione”. In un nuovo messaggio, Zelensky ha detto che ”gli ucraini non sono persone ingenue. Gli ucraini hanno già imparato durante questi 34 giorni di invasione e negli ultimi otto anni di guerra nel Donbas che ci si può fidare solo di un risultato concreto”, ovvero se ”i fatti cambiano sulla nostra terra”.

AdnKronos: Vai alla fonte

© 2006 - 2022 Pressitalia.net - Edizioni Le Colibrì: P.Iva 03278920545