Skip to content

Ucraina, arcivescovo Kiev ai potenti del mondo: “Non limitatevi a guardarci in tv mentre veniamo uccisi, agite”

(Adnkronos) - Al ventesimo giorno della guerra in Ucraina, l’arcivescovo di Kiev , Sviatoslav Shevchuk , lancia un appello ai potenti del mondo: “Non siate osservatori esterni del dolore e della tragedia dell'Ucraina! Non limitatevi a guardarci in tv mentre veniamo uccisi! Fate qualcosa! Facciamo di tutto per fermare questa guerra, che oggi rappresenta la ferita di tutta l'umanità! Oggi digiuniamo e preghiamo. Prima di tutto preghiamo per le nostre forze armate. Esorto ciascuno di voi a pregare almeno una volta al giorno, Padre Nostro e Ave Maria, per i nostri soldati, ragazze e ragazzi che oggi muoiono per l'Ucraina, versando il proprio sangue. Pregate per le vittime della guerra. Ma soprattutto, preghiamo insieme per la pace. Per la pace in Ucraina”.

Al ventesimo giorno della guerra in Ucraina, l’arcivescovo di Kiev , Sviatoslav Shevchuk , lancia un appello ai potenti del mondo: “Non siate osservatori esterni del dolore e della tragedia dell’Ucraina! Non limitatevi a guardarci in tv mentre veniamo uccisi! Fate qualcosa! Facciamo di tutto per fermare questa guerra, che oggi rappresenta la ferita di tutta l’umanità! Oggi digiuniamo e preghiamo. Prima di tutto preghiamo per le nostre forze armate. Esorto ciascuno di voi a pregare almeno una volta al giorno, Padre Nostro e Ave Maria, per i nostri soldati, ragazze e ragazzi che oggi muoiono per l’Ucraina, versando il proprio sangue. Pregate per le vittime della guerra. Ma soprattutto, preghiamo insieme per la pace. Per la pace in Ucraina”.

”Le nostre città – fa sapere Shevchuk nella sua quotidiana cronaca sulla guerra in Ucraina – questa notte sono state di nuovo in fiamme. La nostra città di Kiev è stata nuovamente ferita. Delle persone sono morte… le bombe russe sono cadute di notte sulle teste dei civili che stavano cercando di dormire“.

”Quanto male mi fa – dice l’arcivescovo di Kiev- vedere come gli anziani ogni giorno vengono nelle nostre parrocchie per un pezzo di pane… persone anziane che fanno fatica a muoversi… E io penso: quanti di loro oggi sono abbandonati, lasciati soli, soli in appartamenti freddi, i più esposti alle bombe russe. La saggezza popolare dice: ‘Un uomo che invecchia si rinnova nello spirito’. Com’è difficile oggi vedere le lacrime sui volti degli anziani. Di coloro che oggi, forse, sono tra noi i più vulnerabili. Soprattutto oggi voglio incoraggiarvi a pensare, servire e pregare a quegli anziani abbandonati dell’Ucraina. Perché chi sa rispettare la vecchiaia può diventare saggio. Chi sa rispettare i suoi anziani avrà la forza di resistere in questa lotta per la verità. Oggi preghiamo per tutti coloro che stanno cercando di aiutare l’Ucraina, che sono solidali con noi, che sentono il nostro dolore come proprio. Oggi preghiamo per una soluzione a questa guerra“.

AdnKronos: Vai alla fonte

Redazione Press Italia
Redazione Press Italia

Agenzia di informazione fondata e diretta da Mauro Piergentili. Tra i suoi servizi news e comunicati stampa: Arte, Cultura, Enogastronomia, Economia, Esteri, Scienza, Cinema, Teatro, Turismo,...

© 2006 - 2022 Pressitalia.net - Edizioni Le Colibrì: P.Iva 03278920545

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: