Skip to content

Ucraina: il missionario a Leopoli, ‘canali clandestini per portare aiuti sotto le bombe’

(Adnkronos) - A Leopoli, nella difficoltà di aprire corridoi umanitari per portare aiuti a Kiev e nei luoghi bombardati e assediati dai russi si sta organizzando la resistenza. E così attraverso canali nascosti clandestini ci sono persone che sfidano le bombe per portare aiuti alla gente che vive sotto terra e che da giorni è senza cibo e al freddo. "A Kiev - racconta all’Adnkronos don Egidio Montanari, missionario Orionino a Leopoli - hanno bombardato anche stanotte, la città è circondata, molta gente vive sotto terra e da qui partono canali nascosti con persone che riescono in qualche modo ad entrare per portare aiuti rischiando. Affrontano le bombe a fin di bene per portare aiuto".

A Leopoli, nella difficoltà di aprire corridoi umanitari per portare aiuti a Kiev e nei luoghi bombardati e assediati dai russi si sta organizzando la resistenza. E così attraverso canali nascosti clandestini ci sono persone che sfidano le bombe per portare aiuti alla gente che vive sotto terra e che da giorni è senza cibo e al freddo. “A Kiev – racconta all’Adnkronos don Egidio Montanari, missionario Orionino a Leopoli – hanno bombardato anche stanotte, la città è circondata, molta gente vive sotto terra e da qui partono canali nascosti con persone che riescono in qualche modo ad entrare per portare aiuti rischiando. Affrontano le bombe a fin di bene per portare aiuto”.

A Leopoli per il momento la situazione è sotto controllo: “E’ appena suonata una sirena – spiega il missionario orionino – per segnalare qualche missile o aereo che passa attorno alla città. Tutto intorno hanno bombardato ma a Leopoli la situazione è abbastanza tranquilla. Gli sfollati sono in aumento: molti partono, la situazione e fluida, la città è piena di profughi”.

Don Egidio Montanari riflette su questa “guerra assurda, tutta assurda nella testa di chi la ha provocata”. E pensa alle dichiarazioni del Patriarca Kirill: “Dice che questa guerra è per andare contro la ‘mollezza’ dell’Occidente, pronunciando parole contrarie al Vangelo. Dall’altra parte c’è l‘Occidente che sta accogliendo profughi, persone che fuggono dalla guerra. L’Occidente è decadente per certi aspetti ma sta dimostrando che il Vangelo è ancora presente tra la gente che accoglie e aiuta”.

AdnKronos: Vai alla fonte

© 2006 - 2022 Pressitalia.net - Edizioni Le Colibrì: P.Iva 03278920545