Skip to content

Ucraina, la logistica di Amazon al servizio degli aiuti umanitari

(Adnkronos) - Il colosso dell'e-commerce trasforma in soli 10 giorni 5.000 metri quadri di un’area magazzino in un hub in Slovacchia, tecnologie innovative e rete globale per gestire i prodotti di prima necessità

In soli 10 giorni, i team di Amazon di tutto il mondo hanno lavorato insieme per costruire un nuovo hub per gli aiuti umanitari nell’Europa dell’Est a sostegno dell’Ucraina. Il colosso dell’e-commerce annuncia di avere “convertito 5.000 metri quadri di un’area magazzino in Slovacchia che era precedentemente utilizzata per la distribuzione di prodotti ai clienti, in una struttura che aiuta a fornire i beni più necessari per i rifugiati ucraini”. Questo è il più grande hub di questo genere che Amazon abbia mai costruito, e, sottolinea, “opera in sinergia con il resto delle infrastrutture dell’azienda, tecnologie innovative e rete logistica globale per far arrivare prodotti di prima necessità nel modo più rapido ed efficiente possibile alle organizzazioni che operano in prima linea. Insieme a questo nuovo hub, una rete di centri di distribuzione Amazon in tutta Europa sta ora predisponendo e consegnando oltre 4 milioni di beni essenziali donati sia da Amazon che dai clienti del colosso di Seattle, tra cui articoli per la cura della persona, coperte, abbigliamento e altri prodotti di prima necessità.

“Partendo dai bisogni dei rifugiati, i nostri team valutano quali prodotti siano già a disposizione per essere donati direttamente, si procurano gli articoli mancanti e poi raggruppano, imballano e spediscono il tutto alle organizzazioni benefiche. I clienti in Europa possono sostenere questi sforzi donando attraverso le Liste dei Desideri dedicate nei nostri store europei” continua Amazon. La multinazionale del commercio online aggiunge che “man mano che questi prodotti arrivano alla nostra rete europea, il nostro team di Amazon Transportation Services li spedisce al nuovo hub in Slovacchia, dove è stato allestito lo spazio di raccolta dedicato alla gestione delle attività di soccorso. Quindi, i beni donati vengono distribuiti ai rifugiati sfollati, in collaborazione con organizzazioni tra cui Save The Children e la Federazione internazionale delle società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa”.

Amazon ritriene che “la posizione strategica dell’hub per gli aiuti umanitari in Slovacchia accelererà significativamente il trasporto dei beni di prima necessità in Polonia, Ungheria, Slovacchia, Romania, Moldavia e Repubblica Ceca, per aiutare rapidamente i bambini ucraini e le famiglie in difficoltà”. Attivare questo hub in meno di 10 giorni “ha richiesto un enorme lavoro di squadra ed è gratificante vedere che i prodotti vengono già smistati e consegnati a chi ne ha bisogno. Siamo grati ai nostri clienti per la loro generosità, ai nostri team e ai nostri partner per il loro lavoro e la loro dedizione – afferma infine Amazon- nel sostenere i rifugiati in questo momento critico. Sappiamo che questo sarà un impegno a lungo termine”.

AdnKronos: Vai alla fonte

© 2006 - 2022 Pressitalia.net - Edizioni Le Colibrì: P.Iva 03278920545