Skip to content

Ucraina-Russia, Draghi: “Aggressione paese inerme è come facevano Hitler o Mussolini”

(Adnkronos) - Il premier nella sua replica alla Camera: "Non intervenire è come difendere aggressore"

Se non si garantiscono aiuti all’Ucraina, “difendiamo il paese aggressore. Dovremmo accettare che gli ucraini perdano il loro paese e accettino la schiavitù. E’ un terreno scivoloso che ci porta a giustificare tutti gli autocrati, tutti coloro che hanno aggredito paesi inermi, a cominciare da Hitler e da Mussolini”. Il presidente del Consiglio Mario Draghi, alla Camera, si esprime così nella replica dopo le comunicazioni in vista del Consiglio europeo. “Non ci sono scuse per chi aggredisce. Non ci sono scuse”, dice in un altro passaggio riferendosi al presidente russo Vladimir Putin.

Leggi anche

“Noi cerchiamo di fare la pace, lo facciamo fino alla fine, Macron telefona a Putin non so quante volte a settimana, ma bisogna essere in due per fare la pace”, ha aggiunto Draghi per il quale “il sostegno del Parlamento è essenziale” rispetto alla crisi ucraina.

AdnKronos: Vai alla fonte

© 2006 - 2022 Pressitalia.net - Edizioni Le Colibrì: P.Iva 03278920545