Skip to content

Ucraina, Casa Bianca: “Biden non andrà a Kiev”

(Adnkronos) - Secondo indiscrezioni l'amministrazione potrebbe però mandare nel Paese il segretario di Stato Blinken o il segretario alla Difesa Austin

Joe Biden non andrà a Kiev. “Non manderemo il presidente in Ucraina” ha chiarito la portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki, dopo che ieri lo stesso Biden aveva detto di essere pronto a partire.

Leggi anche

L’amministrazione americana potrebbe comunque inviare in Ucraina il segretario alla Difesa Lloyd Austin o il segretario di Stato Antony Blinken, secondo le indiscrezioni della stampa statunitense.

L’elemosiniere del Papa a Bucha, Via Crucis nei luoghi di morte

Continua invece la visita sul campo dell’elemosiniere del Papa, inviato da Francesco in Ucraina per tutto il periodo di Pasqua, che oggi è in visita a Vorzel, Irpen, Bucha e Borondyaka. “Andremo in quei territori – ha spiegato il nunzio apostolico in Ucraina Visvaldas Kulbokas – per stare nei luoghi dove tantissime persone hanno patito giorni e giorni di sofferenze e di morte e pregare la via crucis e la liturgia del Venerdì Santo con loro”. Sabato Santo sarà celebrata la veglia pasquale nella cattedrale romano cattolica di Kiev insieme al vescovo Vitali Kryvytskyi e con l’arcivescovo maggiore di Kiev, Sviatoslav Shevchuk. Domenica di Pasqua, la Messa sempre nella cattedrale.

“Regione di Luhansk senza ospedali, tutti distrutti o danneggiati”

Intorno la distruzione della guerra ha colpito tutto. Non c’è un solo ospedale integro in tutta la regione di Luhansk in Ucraina: tutti sono danneggiati e molti distrutti, ha dichiarato il ministro della Salute Viktor Lyashko, assicurando allo stesso tempo che le cure mediche nella regione sono ancora disponibili. “Gli operatori sanitari – ha detto – continuano a lavorare nella regione di Luhansk, fornendo assistenza medica. Siamo coinvolti in alcune evacuazioni di pazienti, ma ci sono persone che non vogliono andarsene e non possiamo allontanarle forzatamente. Pertanto gli ospedali operano ancora, ma solo dove non ci sono ostilità in corso, grazie ai medici militari”.

Lyashko ha precisato che, a causa delle ostilità in Ucraina, 22 ospedali sono stati distrutti e più di 300 istituzioni mediche sono state danneggiate, con “un diverso livello di danni: dalle finestre rotte ai muri distrutti e altre cose. Questi ospedali potranno essere rimessi in funzione soltanto dopo le opportune verifiche”.

AdnKronos: Vai alla fonte

© 2006 - 2022 Pressitalia.net - Edizioni Le Colibrì: P.Iva 03278920545