In scena la compagnia internazionale Mandala Dance Company

Sarà in scena a L’Aquila il 21 giugno con Follow Water

002-MandalaDanceCompanyFollow Wate1r-pressitalia
Foto di Vanessa D’Orazi

L’AQUILA – Il 21 giugno la compagnia internazionale Mandala Dance Company sarà in scena a L’Aquila con Follow Water, performance legata al tema dell’ambientalismo, all’interno di Festival Visioni XI, evento organizzato dall’Associazione Culturale Gruppo e-Motion, con la direzione artistica di Francesca La Cava, che ospiterà nel capoluogo abruzzese compagnie da tutta Italia con un ricco cartellone di eventi.

Nella splendida cornice del Palazzo dell’Emiciclo de L’Aquila, la compagnia di danza contemporanea diretta da Paola Sorressa, si esibirà in Follow Water: dove c’è acqua c’è Vita! Al centro della performance vi è l’acqua come elemento essenziale per la sopravvivenza umana, da sempre simbolo di Vita ma anche di conoscenza, saggezza, purificazione e guarigione. Collegata all’aspetto femminile, è simbolo di mutevolezza e di adattabilità. In psicologia rappresenta il dualismo dell’Uomo per i suoi numerosi aspetti: dai mari profondi dell’inconscio all’esuberanza della Vita nascente perché attraverso l’acqua tutto fluisce in un divenire luminoso (Francesco Petrarca).

Ingresso a pagamento. Per info e prenotazioni scrivere a: info@gruppoemotion.net

Follow Water
Concept, Coreografia e Regia: Paola Sorressa
Danzatori: Sara Zanetti, Lucrezia Mele, Vanessa Yareli Perez Mejia e Sebastian Zamaro/Alessia Stocchi
Disegno Luci e Video: Lucien Bruchon
Musiche: Komet e Kangding Ray
Produzione sostenuta da: Mandala Dance Company, RP Consulting, Culturalmente, Spazio Agorà, MIC. Residenza: Spazio Performativo Agorà – Ladispoli (RM) Residenza Artistico Culturale 2021/24: Comune di Cerveteri [Città della Cultura Regione Lazio 2020/21, Finalista Capitale della Cultura 2022, Sito UNESCO Necropoli Etrusca La Banditaccia]; Comune di LADISPOLI (RM) Centro D’Arte e Cultura e Cine Teatro Massimo Freccia.

001-MandalaDanceCompanyFollow Water-pressitalia
Foto di Vanessa D’Orazi

FONTE: Ufficio Stampa Theatron 2.0 (Edoardo Borzi).