Skip to content

Al via la settima consiliatura Civ dell’Inail, Guglielmo Loy eletto alla presidenza

(Adnkronos) - La settima consiliatura del Consiglio di indirizzo e vigilanza dell’Inail, ricostituito con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri dello scorso 26 maggio, ha preso il via ufficialmente oggi con la riunione di insediamento che si è svolta a Roma, presso la sede dell’Istituto di via IV Novembre, alla presenza del ministro del lavoro e delle politiche sociali, Andrea Orlando. Nel corso della riunione Guglielmo Loy, che succede a Giovanni Luciano, è stato eletto alla presidenza dell’organo che definisce le linee di indirizzo e determina gli obiettivi strategici pluriennali dell’Inail. Eletto anche il vicepresidente, Fabio Pontrandolfi (in rappresentanza delle imprese).

La settima consiliatura del Consiglio di indirizzo e vigilanza dell’Inail, ricostituito con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri dello scorso 26 maggio, ha preso il via ufficialmente oggi con la riunione di insediamento che si è svolta a Roma, presso la sede dell’Istituto di via IV Novembre, alla presenza del ministro del lavoro e delle politiche sociali, Andrea Orlando. Nel corso della riunione Guglielmo Loy, che succede a Giovanni Luciano, è stato eletto alla presidenza dell’organo che definisce le linee di indirizzo e determina gli obiettivi strategici pluriennali dell’Inail. Eletto anche il vicepresidente, Fabio Pontrandolfi (in rappresentanza delle imprese).

Nel suo discorso di insediamento il neopresidente ha ringraziato tutti coloro che collaborano con il Civ, i rappresentanti delle istituzioni vigilanti, il ministro del Lavoro e delle politiche sociali, Andrea Orlando, il presidente, Franco Bettoni, il direttore generale, Andrea Tardiola, i rappresentanti degli altri organi dell’Istituto e tutte le parti sociali rappresentate nel Consiglio.

Loy ha proseguito il suo intervento ricordando come, a causa della pandemia, le istituzioni si siano trovate a dover rivalutare con urgenza il valore del ruolo pubblico sulle politiche sanitarie. “La salute – ha dichiarato Loy – non è solo la cura emergenziale ma anche specializzazione e prevenzione. Un mix che ci porta a sottolineare come l’Inail abbia un ruolo centrale nella costruzione di più efficaci, razionali, specialistiche politiche. Un ruolo che non potrà non essere sostenuto dalle istituzioni riconoscendo l’autonomia dell’ente per permettere maggiori investimenti in prevenzione, ricerca, assistenza”.

Gli altri 16 componenti del Consiglio di indirizzo e vigilanza rappresentanti degli oltre 21 milioni di assicurati e beneficiari delle prestazioni Inail, sono: Roberto Bussolotti (Ugl), Sebastiano Calleri (Cgil), Angelo Emilio Colombini (Cisl), Cinzia Frascheri (Cisl), Giovanni Luciano (Confsal), Giorgia Marchioro (Cgil) e Barbara Orlandi (Cgil), in rappresentanza dei lavoratori dipendenti; Marco Abatecola (Confcommercio), Roberto Caponi (Confagricoltura), Giulia Dongiovanni (Confindustria), Francesca Ferrocci (Confindustria) e Fabio Pontrandolfi (Confindustria), in rappresentanza dei datori di lavoro; Barbara Gatto (designazione congiunta Confartigianato, Cna, Casartigiani), Romano Magrini (Coldiretti) e Sabina Valentini (designazione congiunta Confcooperative, Legacoop, Agci) in rappresentanza dei lavoratori autonomi; Emidio Deandri, in rappresentanza dell’Anmil.

AdnKronos: Vai alla fonte

© 2006 - 2022 Pressitalia.net - Edizioni Le Colibrì: P.Iva 03278920545