Skip to content

Crisi governo, Camus: “A Parigi si teme per unità su Ucraina”

(Adnkronos) - Di fronte alla crisi politica in Italia, in Francia "il sentimento predominante è "l'incomprensione" verso la posizione del M5S, ma c'è anche il timore di una rottura "dell'unità fra Roma e Parigi" sulla guerra in Ucraina, che sarebbe "una sorta di vittoria diplomatica di Mosca". A spiegarlo all'Adnkronos è il politologo francese Jean Yves Camus, sottolineando che elezioni anticipate sono nell'interesse della Russia.

Di fronte alla crisi politica in Italia, in Francia “il sentimento predominante è “l’incomprensione” verso la posizione del M5S, ma c’è anche il timore di una rottura “dell’unità fra Roma e Parigi” sulla guerra in Ucraina, che sarebbe “una sorta di vittoria diplomatica di Mosca”. A spiegarlo all’Adnkronos è il politologo francese Jean Yves Camus, sottolineando che elezioni anticipate sono nell’interesse della Russia.

Di fronte alla crisi politica in Italia, in Francia “il sentimento predominante è “l’incomprensione” verso la posizione del M5S, ma c’è anche il timore di una rottura “dell’unità fra Roma e Parigi” sulla guerra in Ucraina, che sarebbe “una sorta di vittoria diplomatica di Mosca”. A spiegarlo all’Adnkronos è il politologo francese Jean Yves Camus.

“Il sentimento che è qui predominate è prima di tutto l’incomprensione di fronte alla posizione dell’M5S, che rischia moltissimo aprendo una crisi politica mentre non è ben piazzato nei sondaggi. Ma è anche presente un sentimento di timore, perché i nostri due paesi sono sulla stessa linea rispetto alla guerra in Ucraina. E la rottura di questa unità, se dovesse durare, sarebbe una sorta di vittoria diplomatica di Mosca”, ragiona Camus, direttore dell”Observatoire des radicalités politiques’ della Fondazione Jean Jaures.

“Non credo che vi sia stata un’influenza della propaganda russa” nella crisi politica italiana, afferma Camus, secondo il quale “M5S è prima di tutto un partito politico privo di una linea politica chiara e una leadership solida”. “Tuttavia – continua – l’interesse di Mosca è che vi siano delle elezioni anticipate da cui possano uscire rafforzati M5S e soprattutto la Lega, la cui posizione sull’Ucraina e i legami con la Russia restano molti ambigui, mentre la dichiarazione di Fratelli d’Italia sull’Ucraina pubblicata il 22 giugno è molto responsabile”.

Il politologo nota anche come Francia e Italia si trovino entrambe in una situazione simile in Parlamento, “con delle maggioranze fragili” e “dei partiti politici che possono avere la tentazione di aprire delle crisi piuttosto che cercare il consenso, che è l’atteggiamento più responsabile per pesare nell’Unione Europea e mantenere l’unità nel sostegno all’Ucraina”.

AdnKronos: Vai alla fonte

Redazione Press Italia
Redazione Press Italia

Agenzia di informazione fondata e diretta da Mauro Piergentili. Tra i suoi servizi news e comunicati stampa: Arte, Cultura, Enogastronomia, Economia, Esteri, Scienza, Cinema, Teatro, Turismo,...

© 2006 - 2022 Pressitalia.net - Edizioni Le Colibrì: P.Iva 03278920545

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: