Skip to content

lezioni politiche 2022, l’appello di Letta: “Il terzo polo aiuta la destra”

(Adnkronos) - Il messaggio del segretario del Pd. Calenda replica: "Conosce le questioni, aspettiamo risposte"

L’ipotesi di un terzo polo accende la campagna verso le elezioni politiche 2022 del 25 settembre. Il segretario del Pd, Enrico Letta, dalla festa dell’Unità di Casalgrande, a Reggio Emilia, lancia l’appello: “Mi sento di fare un appello a tutti coloro che hanno dubbi in queste ore sul fatto di creare una larga e convinta alleanza che sia in grado di battere le destre e che pensano che fare un terzo polo sia più conveniente. Penso che il terzo polo sia il modo migliore per aiutare le destre”. Un messaggio indirizzato in particolare a Carlo Calenda. Il leader di Azione in queste ore dovrebbe pronunciarsi sul tema delle alleanze.

Leggi anche

“Quello che aiuta di sicuro la destra è una coalizione eterogenea, confusa e poco credibile. Cerchiamo di evitarla. Noi ce la stiamo mettendo tutta. Le questioni le conosci da giorni. Stasera (ieri sera, ndr) le abbiamo messe per iscritto con Più Europa. Aspettiamo una risposta”, il tweet del leader di Azione in chiusura di una giornata caratterizzata da ‘stoccate’ ripetute via social: “Che c’entrano con l’agenda Draghi?”, la domanda posta da Calenda in relazione a Luigi Di Maio, Verdi e Sinistra Italiana. “Discutiamo di quello che volete, ma agli elettori di Azione non possiamo chiedere di votare Di Maio, Bonelli (anti Ilva, termovalorizzatori e rigassificatori) e Fratoianni (che ha votato 55 volte la sfiducia a Draghi) nei collegi uninominali”.

Simili le parole di Matteo Renzi, che lancia l’hashtag #TerzoPolo e movimenta l’ultima domenica di luglio. “Io non cerco di sistemarmi da qualche parte. A me di avere un seggio, non interessa”, dice il leader di Italia Viva a In Mezz’ora in Più su Rai3. “Io non sto con Salvini e Meloni e non sto con Fratoianni e Di Maio. Allora certo che corro al centro e se al centro, come spero, ci saranno anche altri a partire da Calenda, che non ce lo vedo con Fratoianni, bene. Altrimenti noi saremo comunque decisivi nella prossima legislatura come lo siamo stati nell’ultima”, dice il leader di Italia Viva.

“Io non vado col Pd? Questa risposta l’ha data Enrico Letta quando parlando con Repubblica ha detto ‘noi non vogliamo Italia viva e Renzi ma grande alleanza da Di Maio a Fratoianni’. E’ legittimo tutto questo. Ma è credibile poter sconfiggere Meloni e Salvini mettendo insieme idee che sono l’opposto di quello che ha pensato sempre il Pd? Non si vince con le ammucchiate, ma con le idee chiare”, ribadisce. “Sul lavoro la pensiamo come i navigator o come industria 4.0? Affrontiamo la sfida dal punto di vista riformista ma se poi la prima cosa che dici è aumentare le tasse…”, dice facendo riferimento alla patrimoniale ipotizzata dal leader dem.

Oggi, intanto, prende forma il nuovo soggetto politico creato da Luigi Di Maio. “La nuova forza politica si chiamerà ‘Impegno civico’ e vuole rappresentare quell’impegno civico che ieri anche Papa Francesco ha evocato dal Canada”, dice il ministro agli Affari esteri, a capo di ‘Italia per il Futuro’, ospite di ‘Mezz’ora in più’ su Rai3.

AdnKronos: Vai alla fonte

Redazione Press Italia
Redazione Press Italia

Agenzia di informazione fondata e diretta da Mauro Piergentili. Tra i suoi servizi news e comunicati stampa: Arte, Cultura, Enogastronomia, Economia, Esteri, Scienza, Cinema, Teatro, Turismo,...

© 2006 - 2022 Pressitalia.net - Edizioni Le Colibrì: P.Iva 03278920545

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: