Skip to content

Taiwan, Sisci: “Guerra difficile ma non impossibile, Cina all’angolo”

(Adnkronos) - Il sinologo spiega i motivi per cui "i cinesi non possono fare una guerra. Ci sarà comunque una reazione per la visita Pelosi sull'isola. Ma Pechino deve cambiare approccio".

“I rischi ci sono”, ma “non di una guerra” perché “una guerra è difficile, non impossibile”. Dalla Cina arriverà comunque una “reazione” poiché in caso contrario ci sarebbero “effetti interni” dopo minacce rimaste nell’aria e per il gigante asiatico diventa sempre più urgente “cambiare radicalmente l’approccio mentale”. Il sinologo Francesco Sisci parla con l’Adnkronos mentre si rincorrono le notizie sull’arrivo in giornata a Taiwan della speaker della Camera dei rappresentanti Usa, Nancy Pelosi, e le mosse cinesi, tra retorica e attività militare.

Per Pechino Taiwan è una “provincia ribelle” da “riunificare” e gli Stati Uniti devono attenersi al “principio di una sola Cina”. Una guerra, dice Sisci, “è difficile” per “tre principali motivi”, innanzitutto “la Cina importa 150 milioni di tonnellate di proteine, carne, soia dall’estero, soprattutto dall’America” e “in caso di embargo” ci sarebbero ripercussioni per l’alimentazione dei cinesi, che hanno grano e riso. Poi, prosegue nell’analisi, “un grande pilastro dell’economia cinese, se non il principale, è il surplus commerciale” e quindi “una guerra che metta a rischio il surplus commerciale cinese minerebbe l’economia del Paese”.

Terzo elemento, aggiunge, “la Cina di figli unici difficilmente può permettersi di sacrificare i suoi figli unici o molti dei suoi figli unici in una guerra”. “Escluderei la guerra anche perché i cinesi sono commercianti – rimarca – Come indole, non sono guerrieri come i russi”.

‘o il gigante asiatico cambia regime o cambia visione del mondo e possibilmente dovrebbe fare tutte e due’

E dai cinesi che “non possono fare la guerra” arriverà una “reazione, che comunque non porterà niente di buono” e arriverà perché “se non reagiranno ci saranno effetti interni” e “il problema è che la Cina si è messa di nuovo in una situazione in cui qualunque scelta è sbagliata”. Si è messa in un “angolo” e “deve cercare di uscirne”.

Secondo Sisci, il gigante asiatico “dovrebbe imparare a mettersi in situazioni in cui ha due, tre scelte utili, non due o tre scelte tutte sbagliate”, ma questo “significa un cambio radicale di approccio mentale”. “Deve cambiare approccio mentale perché non può arrivare a mettersi in posizioni di enormi difficoltà dove ogni scelta che compie alla fine è sbagliata”, prosegue, convinto che “la Cina qualcosa farà e se farà qualcosa la situazione si avviterà” perché dovrà “essere trattata come tigre”, mentre se “non farà niente dimostrerà di essere una tigre di carta”.

Il punto, conclude, è che “la democrazia ti permette di assorbire le crisi” mentre i “regimi autoritari da un punto di vista pratico non hanno questa possibilità” e “o la Cina cambia regime o cambia visione del mondo e possibilmente dovrebbe fare tutte e due”.

AdnKronos: Vai alla fonte

© 2006 - 2022 Pressitalia.net - Edizioni Le Colibrì: P.Iva 03278920545