Urbex Experience: esposizione fotografica

L'inaugurazione si svolgerà il 10 agosto all’interno del Rifugio antiaereo di Noto

A cura dei soci dell’ Associazione Culturale Ascosi Lasciti e dello Studio Barnum contemporary.

locandina-urbex-experience-studio-barnum-noto-ascosi-lasciti-inNOTO (SR) – La storia dell’Urban Exploration è abbastanza recente, le sue origini vengono fatte risalire al 1793, quando un leggendario “esploratore” delle Catacombe di Parigi, Philibert Aspairt, divenne celebre per la sua morte prematura in quella vasta rete di gallerie sotterranee. Da allora quel luogo e le Catacombe in generale, nonostante il divieto di accedervi senza autorizzazione, sono frequentate soprattutto dai cosiddetti cataphiles (“amanti delle Catacombe”), che ne hanno fatto un enorme spazio di incontri e socializzazione.
L’esplorazione urbana, col passare degli anni, muta i suoi campi di interesse passando dai sotterranei a tutti quei luoghi abbandonati che giacciono anche al centro delle nostre città, raggiungendo una forte influenza sotto un profilo sociale e politico.
Questa disciplina mutandosi nel tempo è divenuta un impegno per segnalare, salvaguardare e proteggere i luoghi urbani abbandonati sottraendoli al completo decadimento.

L’Associazione Culturale Ascosi Lasciti e il collettivo fotografico Liotrum Urbex Sicilia si prefiggono di raccontare il non visto, le eredità perdute, le storie congelate nell’attimo in cui si manifestano e si svelano quali terzo paesaggio. Talvolta la fascinazione passa per la pura estetica di questi luoghi, talvolta nasce dalla volontà di scoprire un nuova storia. Le nostre immagini raccontano la Sicilia che non c’è più, quella dei nostri nonni, fatta di piccole comunità.

Esposizione:
Le immagini esposte rappresenteranno una raccolta di luoghi abbandonati dislocati su tutta la penisola e una raccolta dedicata al patrimonio dimenticato siciliano.
Si prevede l’esposizione di 60 immagini di medie dimensioni, all’interno del Rifugio antiaereo di Noto, ingresso da Palazzo Astuto, dal 10 al 20 agosto 2022. Orari di apertura, dalle 17 alle 23, ingresso gratuito

A cura di Cristiano La Mantia e Vincenzo Medica.

Nell’ambito della Rassegna “Percorsi di NOTOrietà 2022”, curata da Studio Barnum contemporary e patrocinata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Noto.
www.comune.noto.sr.it

FONTE: sTuDIo BArNUmNOTo.