Assegnato il Premio Sviluppo Sostenibile 2022

Cresce sempre più l’Italia della green economy

Il Primo premio Sviluppo Sostenibile è stato assegnato a Caviro Extra per il settore economia circolare, per il settore capitale natural a Il DRAGO delle colline metallifere stato APS e a Energy Dome per il settore start up per il clima. Il Premio è in collaborazione con il Circular Economy Network, WWF, CREA-RETE RURALE NAZIONALE, Italy for Climate e STEP-(green tech).

COVER_premio-sviluppo-sostenibile-2022-inROMA – Scarti della vinificazione che diventano elettricità rinnovabile in Emilia Romagna; un progetto per promuovere l’agricoltura biologica, l’agroecologia, la tutela della biodiversità nelle Colline Metallifere; una tecnologia di accumulo dell’energia elettrica da fonti rinnovabili. Il Premio Sviluppo Sostenibile 2022, istituito per il dodicesimo anno dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e dall’Italian Exhibition Group con il patrocinio del MITE, ha trovato il podio per le aziende italiane leader della green economy. Al premio, nel 2019, è stata conferita la Medaglia del Presidente  della Repubblica. Il premio, che quest’anno ha visto in concorso tre settori, economia circolare, capitale naturale e start up per il clima, ha attribuito la medaglia d’oro a  Caviro Extra di Faenza; a Il DRAGO delle colline metallifere A,PS, di Marsiliana di Massa Marittima e a Energy Dome di Milano. Accanto a queste tre aziende che saliranno sul gradino più alto del podio, ce ne sono altre segnalate che riceveranno un diploma di riconoscimento.

“Il Premio -ha dichiarato Edo Ronchi, Presidente della Fondazione Sviluppo Sostenibile – è nato per far conoscere e promuovere le migliori pratiche e migliori innovazioni nei vari settori della green economy. Ogni anno abbiamo visto crescere il numero delle aziende che vi hanno partecipato e la qualità dei progetti.: un buon segno di vitalità delle nostre imprese e delle start up che stanno facendo della sostenibilità la loro cifra”.

Come in ogni edizione sono state premiate quelle realtà imprenditoriali che.si siano particolarmente distinte per eco-innovazione, efficacia dei risultati ambientali, positivi risultati economici e occupazionali, nonché della loro potenziale di diffusione.

La Commissione che ha selezionato i vincitori è composta da: Edo Ronchi, Alessandra Astolfi, Andrea Barbabella, Giuseppe Dodaro, Franco Jamoletti, Stefano Leoni, Riccardo Luna, Roberto Morabito, Andrea Agapito Ludovici, Alessandro Monteleone.

Ecco i tre primi premi del Premio Sviluppo Sostenibile 2022:

Economia Circolare in collaborazione con il Circular Economy Network.
Caviro Extra SpA Per la realizzazione del progetto “Lègami di Vite”, con il quale quale ha raggruppato importanti aziende vitivinicole dell’Emilia Romagna   per la gestione e valorizzazione circolare dei sottoprodotti e degli scarti della vinificazione per produrre elettricità rinnovabile, biometano e ammendanti compostati. Con il bio-LNG prodotto si alimentano i mezzi impiegati per il trasporto del vino e dei sottoprodotti. L’iniziativa realizza efficienza e risparmio di risorse e  energia, riduzione di CO2, produzione di energia rinnovabile, buone pratiche agricole e di gestione dei suoli. La principale innovazione è l’integrazione di filiera, fra imprese, nella gestione integrata e circolare, dei sottoprodotti e degli scarti.

Capitale naturale con la collaborazione del WWF, CREA – RETE RURALE NAZIONALE
Il DRAGO APS Per la realizzazione del progetto di associazione, nel distretto delle Colline Metallifere toscane, delle aziende di produzione, di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli, coinvolgendo anche il mondo della ricerca, della formazione, per promuovere, sostenere e diffondere l’agricoltura biologica e l’agroecologia, le produzioni locali di qualità, i consumi a filiera corta, la tutela della biodiversità, la valorizzazione sostenibile del territorio. Coinvolgendo in particolare 35 agricoltori e 8 trasformatori, questo progetto, grazie ad una innovativa azione integrata territoriale, ha consentito di raggiungere rilevanti risultati ambientali buoni risultati economici e la diffusione di buone pratiche.

Start up per il clima con la collaborazione di Italy for Climate e STEP (green tech)
ENERGY DOME Per lo sviluppo del progetto CO2 Battery: una tecnologia di accumulo di energia elettrica, generata da fonti rinnovabili discontinue, che sfrutta le proprietà della CO2 con un processo termodinamico innovativo, che, nell’impianto dimostrativo realizzato in Sardegna, ha raggiunto buoni livelli di efficienza con costi contenuti. La tecnologia di CO2 Battery consentirebbe, qualora la sua industrializzazione ne confermasse le performance, di differenziare e facilitare anche l’approvvigionamento e ridurre i costi delle materie prime utilizzate nelle batterie di accumulo.

Oltre ai tre PRIMI PREMI, sono segnalate come le migliori dei settori (l’ordine è casuale non esiste classifica).

Economia Circolare
L’urgenza di risolvere il problema della scarsità di materie prima e di smaltire sempre più rifiuti trova nell’economia circolare la strada percorribile per una transizione ecologica reale, lo scarto diventa materia, il rifiuto risorsa. Questo settore del Premio è dedicato alle imprese italiane che abbiano realizzato o avviato progetti innovativi nel campo dell’economia circolare.

ANDOLFI &C.SNC- per POLYRETWIN, innovativo film accoppiato riciclabile e resistente all’impatto e alla perforazione.
Circularity – startup e società benefit, per l’innovativa piattaforma di simbiosi industriale che aiuta le imprese a scambiarsi gli scarti di produzione attivando percorsi virtuosi di economia circolare basati sulla collaborazione “tra pari”. Una piattaforma tecnologica proprietaria che consente di selezionare e riutilizzare nei propri cicli di produzione i materiali di scarto di altre imprese.
Conceria Nuvolari Società Benefit Srl –per il processo innovativo e sostenibile di concia della pelle Nature-L, senza utilizzo di metalli pesanti e di cromo, con riduzione dei consumi di acqua.
Krill Design -per il progetto innovativo e circolare di filamento di bio-materiale Rekrill, ottenuto riciclando rifiuti alimentari che può essere utilizzato con la tecnologia della stampa 3D.
Italcementi Per la produzione della una nuova gamma di cemento e di calcestruzzo, innovativa e circolare, Eco.build, con alto contenuto di materiale proveniente dal riciclo di rifiuti inerti.
Iterchimica SpA – per la produzione innovativa e circolare di Gipave, una tecnologia brevettata e hi-tech made in Italy che incrementa le prestazioni dell’asfalto e ne riduce notevolmente l’impatto ambientale, combinando grafene e plastiche dure appositamente selezionate, altrimenti destinate a processi di smaltimento meno sostenibili.
sienabioACTIVE – per la realizzazione di prodotti innovativi e circolari, bio-based, derivati da scarti, di origine agroalimentare, forestale per generare composti bioattivi per biocosmesi, nutraceutica, integratori alimentari, farmaci, prodotti per agricoltura biologica e biomateriali.
E-Repair S.R.l.U – per l’innovativa e circolare attività di riparazione e di rigenerazione delle schede elettroniche industriali che previene la produzione di RAE.
SILEA – per il progetto la Piccola Sartoria Sociale, di recupero dei vestiti usati, il riutilizzo di scarti e il riciclo di rifiuti tessili con i quali confeziona o recupera abiti usati, realizzando un originale centro per il riuso.

Capitale naturale
La tutela e la rigenerazione dei sistemi naturali sono fattori cruciali per l’affermazione di nuovi modelli economici, duraturi e capaci di produrre benessere e benefici estesi anche per le comunità locali. Questo settore del Premio è dedicato alle imprese italiane che abbiano realizzato o avviato progetti innovativi come supporto al capitale naturale.

Consorzio Volontario Kilometroverde Parma Impresa Sociale -per il progetto KilometroVerdeParma, con partership pubbliche e private, che crea boschi permanenti nel territorio di Parma e provincia. Con l’obiettivo di raggiungere i 100.000 alberi entro il 2025.
Coop-per 3i progetti: «un mare di idee per le nostre acque  di salvaguardia dell’ecosistema acquatico; « ogni ape conta » per il mantenimento di habitat degli impollinatori nei campi delle filiere ortofrutticole Coop; « agricoltura di precisione e riduzione dei pesticidi»
DAVINES SpA – per il progetto European Regenerative Organic Center (EROC), un hub internazionale di ricerca e divulgazione, che vuole quantificare l’impatto dell’agricoltura rigenerativa sui suoli agricoli.
LOMBARD ODIER INVESTMENT MANAGERS-per la strategia LO Funds che offre l’opportunità di investire in iniziative mondiali finalizzate alla tutela e alla valorizzazione del Capitale Naturale Le Greenhouse s.c.a r.l. per il sistema agrivoltaico che concilia la produzione di energia elettrica da fonte solare con quella agricola con impianti preferibilmente localizzati in aree agricole degradate.
Novamont-per la strategia finalizzata alla diffusione di pratiche colturali sostenibili, con l’obiettivo di ridurre le emissioni di CO2 delle attività agricole e di riportare materia organica di qualità nel suoloPiante Officinali San Marco-Siena -per il progetto di riscoperta, recupero e produzione di piante aromatiche e officinali autoctone, in un’area di 30 ha coltivato col metodo biologico.
(RI)GENERIAMO – per l’applicazione di criteri di eco-gestione di aree forestali in concessione, per incrementare l’assorbimento di CO2, supportare la biodiversità, ridurre il rischio di incendi, creare opportunità economiche
Società Agricola Gelasio Caetani-per la partecipazione al Progetto Life Greenchange, con la realizzazione di habitat di valore ecologico una nuova zona umida, fasce ripariali, boschi planiziali –sulla superficie aziendale.

Start up per il clima
Il cambiamento climatico è la principale minaccia ambientale della nostra epoca. Per affrontarla si devono mettere in campo tecnologie e soluzioni già oggi disponibili, ma anche svilupparne di nuove. Questo settore del Premio è dedicato alle Startup italiane nel campo del contrasto al cambiamento climatico e ha l’obiettivo di selezionare i progetti più innovativi, efficaci e promettenti in termini di contributo al raggiungimento della neutralità climatica dell’Italia.

Hypergen by Simplifhy SB srl – per aver sviluppato un generatore modulare, integrando piccoli impianti eolici e fotovoltaici con idrolizzatori e celle a combustibile per produrre e utilizzare idrogeno verde.
RENERGY1.618 S.r.l. – per lo sviluppo di un motore innovativo, capace di riutilizzare il calore di scarto dei processi industriali e quello generato da impianti rinnovabili termici generando energia elettrica.
SOLHO – per il prototipo SPRHOUT che utilizza la tecnologia solare termica per rendere i processi industriali energeticamente indipendenti. L’innovazione consiste in una solar station che contiene le tecnologie ad hoc.
Spinlex Industries – per lo sviluppo di Zephir, una pala eolica innovativa e con ottime prestazioni: multidirezionale, con un’apertura alla base che fa scorrere l’aria anche all’interno del cilindro per raggiungere l’apertura superiore.

FONTE: Ufficio Stampa Marco Catino.

Redazione Press Italia
Redazione Press Italia

Agenzia di informazione fondata e diretta da Mauro Piergentili. Tra i suoi servizi news e comunicati stampa: Arte, Cultura, Enogastronomia, Economia, Esteri, Scienza, Cinema, Teatro, Turismo,...