Matthias Graziani presenta “La voce del crepaccio”

Un thriller nordico sullo sfondo delle Dolomiti

01.-Copertina---La-voce-del-crepaccio-inLa voce del crepaccio è il terzo thriller scritto da Matthias Graziani edito da Ugo Mursia Editore e inserito nella prestigiosa collana Giungla gialla. Un thriller nordico, dove leggenda, mito e omicidi s’intrecciano sullo sfondo delle Dolomiti.

Graziani, noto scrittore altoatesino quarantatreenne, già acclamato dalla critica per “Sottopelle” esordisce con il suo primo romanzo investigativo. In quest’ultimo “La voce del crepaccio” già in ristampa appena dopo un mese, si respira un’atmosfera prettamente nordica e carica di suspense. Ambientato nel novembre del 1989 a Feldberg, in Alto Adige, dove divampa un’ondata di terrore: il mostro, il leggendario Gletschmann, alias l’uomo del crepaccio, è tornato e con lui anche un’inspiegabile scia di sangue.

L’autore dichiara: “Ho scritto questo nuovo thriller nel giro di un anno. Ispirato dall’autunno e dall’arrivo dell’inverno con la prima neve, l’Alto Adige è stato un palcoscenico perfetto per mettere in scena la mia ultima opera. ‘La voce del crepaccio’ non è soltanto un giallo, è molto di più, è un viaggio tra le leggende, tra le valli e le montagne e nella parte più buia dell’uomo”.

Un ragazzo, Julian Spitaler, visto con sospetto dagli abitanti del Paese, sa interpretare le voci della montagna e percepisce il pericolo imminente. Il commissario Lara Boschi è stata inviata lì nella valle per indagare sul primo omicidio: quello del giovane Mirko Ties, mentre la sua fidanzata Miss Südtirol è stata rapita. Ma in quell’area non è solo lo spauracchio del mostro a destare preoccupazione: anche i manipoli di sbandati che si muovono liberamente e un losco individuo, Frieda, che, indisturbato, commercia in metadone e in bambini che sottrae alle famiglie per rivenderli al mercato nero di Bled, una città slovena ai piedi delle Alpi Giulie.

Le vicende si intrecciano l’una con l’altra, ma i protagonisti sono sempre gli stessi: Julian, personaggio chiave per il suo legame arcano con la montagna e la vecchia guardia forestale Karl Kastner, pluridecorato eroe della Seconda Guerra Mondiale.

Un romanzo investigativo avvincente, dai personaggi profondamente caratterizzati e dall’intreccio minuziosamente descritto, con scene a grande impatto emotivo.

Sullo sfondo, trionfa la maestosità delle Dolomiti e una compenetrazione mitologica tra uomo e natura, come solo in Alto Adige accade.

Biografia
Matthias Graziani (1979) vive a Bolzano, è bilingue, lavora come insegnante e giornalista.
La trilogia fantasy “La stirpe del vento” (2010, Armenia) segna il suo esordio nell’editoria e vende più di diecimila copie.
“Sottopelle” (2016, La Corte Editore) è il suo primo thriller ed è stato apprezzato dal grande maestro del noir Andrea G. Pinketts.
Partecipa con un racconto all’antologia “Notti Oscure” (2017, La Corte Editore).
Con “Quel che resta del peccato” (2018, La Corte Editore) tinge di nero la sua Bolzano.
Nel 2020, l’Accademia della Scrittura gli conferisce il primo premio per il racconto: “Vite cambiate”.
Il 18 ottobre 2022 uscirà il suo secondo romanzo investigativo: “La voce del crepaccio”.

Scheda editoriale
Genere: gialli, noir e avventura
Editore: Mursia
Collana: Giungla Gialla
Formato: brossura
Pubblicato:17/10/2022
Pagine: 304
Prezzo: 17 euro
Lingua: Italiano
Isbn: 9788842564942

Web, social
Amazon: https://amzn.to/3QHb0kZ
Sito: http://www.matthiasgraziani.com
Fb: https://www.facebook.com/matthias.graziani1/
Ig: https://www.instagram.com/matthias_graziani/

FONTE: Ufficio Stampa SAMIGO Press.

Redazione Press Italia
Redazione Press Italia

Agenzia di informazione fondata e diretta da Mauro Piergentili. Tra i suoi servizi news e comunicati stampa: Arte, Cultura, Enogastronomia, Economia, Esteri, Scienza, Cinema, Teatro, Turismo,...