ShorTS International Film Festival 2021

Giovedì 8 luglio il regista Giuseppe M. Gaudino protagonista di una Masterclass Online e di un omaggio speciale a ShorTS International Film Festival

In programma anche la proiezione del cortometraggio “Il confine è un bosco” del regista friulano Giorgio Milocco.

ShorTS-International-Film-Festival-2021-inNella giornata di giovedì 8 luglio il regista Giuseppe M. Gaudino sarà protagonista di un omaggio speciale, realizzato in collaborazione con la Cineteca Nazionale, a ShorTS International Film Festival, la manifestazione cinematografica triestina in programma dal vivo nel capoluogo giuliano e online su MYmovies fino a sabato 10 luglio. Alle ore 11.00 di giovedì 8 luglio il cineasta di Pozzuoli (Napoli), autore di film misteriosi e ipnotici realizzati con un linguaggio poetico e personalissimo, sarà protagonista di una masterclass online condotta dal giornalista Luigi Abiusi e trasmessa sulla pagina Facebook del Festival, e poi di un incontro con il pubblico a ingresso gratuito a partire dalle ore 19.30 presso il Cinema Ariston di Trieste che terrà insieme alla regista e produttrice Isabella Sandri.

Dopo l’incontro con il regista, sempre giovedì 8 luglio si terrà al Cinema Ariston anche la proiezione speciale a ingresso gratuito del suo film “Giro di lune tra terra e mare” (1997), di cui Gaudino è anche produttore e co-sceneggiatore insieme a Isabella Sandri, che a ventiquattro anni dalla sua partecipazione in Concorso alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e dalla prima uscita nelle sale, torna finalmente al cinema e verrà proiettato al Festival ShorTS di Trieste in pellicola 35mm. Protagonista della narrazione è Pozzuoli, città natale del regista e luogo carico di storia antica e misteri, in cui una famiglia cerca di sopravvivere come può cambiando continuamente casa, in una zona devastata da terremoti, non solo naturali. Il film ha vinto numerosi riconoscimenti (tra cui il Tiger Award al Festival di Rotterdam, la Grolla d’Oro per la Regia a Saint- Vincent e il premio come Miglior Regista alla Semana dos Realizadores al Fantasporto) ed è stato selezionato in alcuni dei principali Festival del mondo.

La serata di giovedì 8 luglio proseguirà con la proiezione gratuita sempre al Cinema Ariston di “Per questi stretti morire (Cartografia di una passione)” (2010), girato da Gaudino insieme a Isabella Sandri che ne è anche sceneggiatrice e produttrice. Potente e suggestivo film documentario sulla figura dell’esploratore italiano Alberto Maria De Agostini, partito missionario per la Patagonia e la Terra del Fuoco nel 1910, l’opera è stata insignita del Premio Città di Imola come Miglior Film Italiano al Film Festival di Trento 2011 e del Premio Speciale della Giuria al 18° Premio Libero Bizzarri. In programma sempre per l’8 luglio all’Ariston anche la proiezione di uno dei numerosi cortometraggi girati da Gaudino, “Aldis, amore 101, 102, 103”.

Nato a Pozzuoli nel 1957, Giuseppe M. Gaudino è diplomato all’Accademia di Belle Arti di Napoli, ha frequentato il DAMS, indirizzo Spettacolo, a Bologna, per poi diplomarsi nel 1982 al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma in Scenografia, specializzandosi successivamente in Regia Cinematografica e Televisiva.

Ha esordito nel 1985 con “Aldis”, che è stato selezionato a numerosi festival. Nel 1988 con il film “00580 Annotazioni per un Documentario su Pozzuoli” Gaudino inizia un racconto creativo sui Campi Flegrei, che si svilupperà poi nell’arco di ulteriori nuovi lavori filmici, documentaristici, radiofonici: “Per il Rione Terra”, “L’Assunta”, “Verso Baia”, “Giro di Lune: video-trailer per un progetto di film”, “Là dove Bocca, Sguardo e Cuore s’incontrano”. Alla XIV Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro nel 2000 riceve il Premio CinemAvvenire come Autore emergente del Cinema Italiano degli anni ‘90. Le sue opere successive guardano alla geografia contemporanea (Afghanistan, Medio Oriente, America Latina, Terra del Fuoco), sempre orientate alla sperimentazione di nuovi linguaggi e modelli produttivi.

Giovedì 8 luglio alle ore 17.00 sempre al Cinema Ariston si terranno le proiezioni dei corti di Shorter Teens, la sezione competitiva del Festival dedicata ai giovanissimi, dove i giovani partecipanti potranno assistere gratuitamente alla proiezione di corti per ragazzi dagli 11 ai 15 anni ed eleggere il migliore.

Anche giovedì 8 luglio alle ore 21.00 appuntamento serale al Giardino Pubblico Muzio de Tommasini con le proiezioni di Maremetraggio, sezione competitiva di ShorTS International Film Festival dedicata ai migliori cortometraggi del panorama internazionale. Tra i cortometraggi in programma la serata di giovedì 8 luglio anche “Il confine è un bosco” del regista friulano Giorgio Milocco e prodotto dalla società Quasar, anch’essa friulana, e selezionato al Los Angeles Italia Film Festival. Una storia di confini fisici e interiori, raccontata attraverso la vicenda di un uomo alle soglie della terza età che vive lontano dalla sua terra d’origine. Protagonista è Ivan, un operaio di sessant’anni, nato in ex Jugoslavia, che vive con sua moglie in un paesino del Friuli chiamato Torviscosa. Un giorno decide di intraprendere un viaggio che lo riporterà nei luoghi della sua infanzia, nel tentativo di espiare un senso di colpa che fin da bambino porta dentro di sé.

Programma di giovedì 8 luglio
Ore 11.00 – Masterclass Diretta Facebook
Con il regista Giuseppe M. Gaudino

Ore 17.00 – Cinema Ariston | Shorter Teens
Nano di Christian Pincheira (RCH 2020, 10’)
Colours di Melissa Estaba (E 2020, 4’)
#BestSelfieEver di Inti Carrizo-Ortiz (RGH-J 2020, 6’)
The Best F*&ing!Day of My Life di Juan González Henao (CO-E 2021, 7’)
Blackbirds di Emma Séméria (F 2020, 9’)
Being Someone Else di Øyvind Aamli (GB-N 2020, 8’)
Reflection di Juan Carlos Mostaza (E 2020 11’)
Sulle punte di Ulisse Lendaro (I 2020, 8’)
Tikkun olam di Bob Ahmed (USA 2021, 10’)
Coffin di Yuanqing Cai, Nathan Crabot, Houzhi Huang, Mikolaj Janiw,
Mandimby Lebon, Théo Tran Ngoc (F 2020, 5’)
La terra delle onde di Francesco Lorusso (I 2020, 15’)
Cemento di Davide Venerus (I 2020, 5’)

Ore 18.30→20.30 – Casa del Cinema
ShorTS Virtual Reality

Ore 19.30 – Cinema Ariston
Omaggio Rewind! al regista Giuseppe M. Gaudino
A seguire le proiezioni delle sue opere
Gli amori di Aldis (I 2001, 18’)
Giro di lune tra terra e mare (I 1997, 124’)
Per questi stretti morire (Cartografia di una passione) (I 2010, 90’)

Ore 21.00 – Giardino Pubblico
Maremetraggio | Compilation #08
May I Have This Seat? di Tabish Habib (PK 2020, 10’)
Wild Seasons di Nathalie Giraud (F 2019, 20’)
Your Own Bullshit di Daria Kopiec (PL 2020, 6’)
Il confine è un bosco di Giorgio Milocco (I 2020, 18’)
Aura di Chun Chun Chang (USA 2020, 5’)
Blue Frontier di Ivan Milosavljević (SLO 2020, 20’)
Into Nothingness di Manu Manrique (E 2020, 19’)
The Silence of the River di Francesca Canepa (PE 2019, 14’)
A Trip to Heaven di Linh Duong (VN 2020, 15’)

FONTE: Ufficio Stampa di Milla Macchiavelli.