Skip to content

Ucraina, gen. Bertolini: “Non si può discutere di neutralità, guerra non ha a che fare con Nato”

(Adnkronos) - "Se dovesse essere coinvolto paese dell'Alleanza, allora scatterebbe art.5"

“Credo non si possa discutere di neutralità o di altro. La guerra è iniziata con l’intervento della Russia, che non appartiene alla Nato, in Ucraina che non appartiene alla Nato: è uno scontro tra due paesi Europei che non hanno niente a che fare con la Nato e che non hanno niente a che fare con l’Italia. E’ un conflitto dal quale fino a che è possibile dobbiamo cercare di restare fuori”. Lo ha affermato il generale Marco Bertolini, ex comandante del Coi, (Comando Operativo Interforze) in merito alle parole del professor Alessandro Orsini secondo cui l’Italia dovrebbe rimanere neutrale se la Russia dovesse colpire un paese della Nato.

“In ambito cattolico da sempre si discute di guerra giusta o non giusta. Ne hanno discusso tanti teologi, Sant’Agostino, San Tommaso d’Aquino, dicendo quali sono i criteri per una guerra giusta o ingiusta, – ha aggiunto Bertolini – Io credo che la guerra per essere considerata giusta dovrebbe essere prima di tutto una guerra ‘nostra’ e questa non lo è”.

“Certo è che nel caso in cui un paese membro della Nato venga coinvolto, venga colpito allora non ci sono dubbi va applicato l’art. 5 che impone l’intervento dell’Alleanza Atlantica – ha sottolineato Bertolini – Ma fino ad ora la Russia non ha colpito nessun paese della Nato visto che l’Ucraina non fa parte dell’Alleanza e anche solo accennare a tale eventualità non fa altro che esasperare gli animi e ridurre le possibilità per una ricomposizione che ritengo indispensabile. Ripeto, indispensabile”.

AdnKronos: Vai alla fonte

© 2006 - 2022 Pressitalia.net - Edizioni Le Colibrì: P.Iva 03278920545