Skip to content

G7 Germania, Draghi: “Un successo, grande unità sull’Ucraina”

(Adnkronos) - Il premier: "G7 pronto a sostenere Kiev per tutto il tempo necessario. Sanzioni per portare la Russia al tavolo dei negoziati"

Il G7 in Germania è stato “veramente un successo, ha riaffermato piena e grande coesione, grande unità di vedute in particolare per quanto riguarda la guerra in Ucraina“. Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, nella conferenza stampa al termine del summit ad Elmau. Il G7, ha aggiunto il premier “è pronto a sostenere l’Ucraina per tutto il tempo necessario”, proseguendo sulla strada delle sanzioni, “essenziale per portare la Russia al tavolo dei negoziati”.

Leggi anche

“La pace – ha ribadito Draghi – dovrà essere quella che vuole l’Ucraina ma, come ha detto il presidente Biden” dobbiamo “essere pronti a cogliere spazi negoziali se dovessero presentarsi”. “Noi veniamo da giorni dove il progresso russo è stato costante – ha rilevato – Una delle cose che ha detto Zelensky è che dovrà partire il contrattacco ed è fiducioso che possa riuscire”.

Poi, sulla crisi del grano: “Il segretario generale dell’Onu ha detto che siamo ormai vicino al momento della verità per capire se la Russia vorrà sottoscrivere un accordo che permetterà al grano di uscire dai porti”. “La situazione – ha aggiunto – va sbloccata in tempi rapidi”.

NATO – Quanto al vertice Nato, dal summit “ci aspettiamo la riaffermazione di unità e di fermezza già espresso dal G7 e poi, probabilmente, un ampliamento della Nato alla Svezia e alla Finlandia. Gli effetti di questa guerra sono imprevedibili, ora ci troviamo un’Unione europea più unita, una Nato più unita e più grande. Tutti i Paesi limitrofi alla Russia, cercano protezione e riarmamento. Le cose non stanno andando come avrebbe voluto il presidente Putin”.

G20 – Sul G20 che si svolgerà in Indonesia, Draghi ha detto che Vladimir Putin “non verrà” al vertice, il presidente dell’Indonesia, Joko Widodo, che organizza l’evento “è stato categorico. Quello che potrà succedere è un intervento da remoto, vedremo”.

VISCO – Sulle indiscrezioni legate a eventuali dimissioni del governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, il presidente del Consiglio ha risposto: “Non ne so assolutamente nulla. Sarà il governatore a decidere quando vuole, è sempre stato così”. Dimissioni che, sempre secondo indiscrezioni, sarebbero legate a prossime nomine. E su questo ultimo punto, il premier ha osservato: “Mi vengono in mente solo quelle dei vertici di Invitalia”.

AdnKronos: Vai alla fonte

© 2006 - 2022 Pressitalia.net - Edizioni Le Colibrì: P.Iva 03278920545